Don’t Forget to Breathe

Un film di Martin Turk

Il mondo del quindicenne Klemen viene stravolto quando il fratello maggiore Peter, a cui è molto legato, si innamora della bellissima Sonja.

Dettagli: FULLHD, 90′, Slovenia, Italia, Croazia
Genere: dramma adolescenziale, film di formazione
Soggetto e regia: Martin Turk
Sceneggiatura: Martin Turk, Gorazd Trušnovec
Fotografia: Radislav Jovanov – Gonzo
Musiche: Teho Teardo
Scenografia: Marco Juratovec
Costumi: Emil Cerar
Make-up: Mojca Gorogranc Petrushevska
Montaggio: Beppe Leonetti
Suono presa diretta: Antonio Petris
Sound design: Riccardo Spagnol
Sound mix: Julij Zornik
Direttore di produzione: Matija Kozamernik
Cast: Matija Valant, Tine Ugrin, Iva Krajnc Bagola, Klara Kuk, Nikola Đuričko, Ronja Matijevec Jerman, Jakob Cilenšek, Miha Rodman, e molti altri.
Produttore: Ida Weiss
Co-produttore: Marta Zaccaron, Darija Kulenović Gudan, Marina Andree Škop
Produzione: Bela Film in coproduzione con Quasar Multimedia, Studio Dim, RTV Slovenia e RAI Cinema
Status: in distribuzione
Con il sostegno di: Fondo Audiovisivo FVG, Slovenian Film Centre (SFC), Croatian Audiovisual Centre (HAVC), Creative Europe – MEDIA Programme, RE-ACT co-development funding scheme e FS Viba Film.
Global sales agent: Intramovies

Il quindicenne Klemen vive con suo fratello maggiore Peter e la madre single in un piccolo paesino di provincia. La routine quotidiana di Klemen, che trascorre le proprie giornate con il suo adorato fratello sul campo da tennis e al fiume vicino, d’improvviso si spezza a causa dell’inaspettata e appassionata relazione amorosa di Peter con la splendida Sonja, che scatena in Klemen un fiume di emozioni contrastanti e comportamenti avventati.

Festival: Festival del Cinema di Roma – Sezione Alice nella città (2019) | Festival Slovenskega Filma (2020)
Proiezioni: Cinema Apollo 11 (Roma), Cinema Beltrade (Milano), Cinema Centrale (Udine), Cinema Orione (Bologna), Cinema Ariston (Trieste), Cankarjev Dom (Lubiana), Kinoatelje (Gorizia), Circolo Cinematografico Vertigo (Asti)
Premi: Vesna Award per il miglior lungometraggio di finzione e Vesna Award a Radislav Jovanov Gonzo per la miglior fotografia – Festival Slovenskega Filma